La storia quasi dimenticata dell’emigrazione italiana in Tunisia

Nel 1881, proprio all’inizio di quella che sarebbe diventata la lotta dell’Europa per l’Africa, la Terza Repubblica francese invase e annesse la Tunisia. Mentre il governo britannico riconobbe immediatamente il nuovo protettorato francese nel paese nordafricano, questo episodio in Italia divenne noto come lo “schiaffo di Tunisi”.

L’Italia si rifiutò di riconoscere l’autorità dei francesi. Ma questo non era solo perché aveva i suoi disegni imperiali sul paese – sebbene avesse anche quelli. Invece, il senso di aver subito un torto da parte dell’Italia era dovuto al fatto che la Tunisia aveva ospitato per secoli una grande popolazione italiana, in alcuni punti fino a 100.000 persone.

Mentre abbiamo discusso le ondate di emigrazione di massa dall’Italia meridionale verso l’America durante il 19° e 20° secolo in un articolo precedente, c’era un flusso simile – più piccolo e molto meno conosciuto – di emigranti dall’Italia che viaggiavano verso l’Africa settentrionale durante lo stesso periodo, e molto prima. Se si guarda una mappa è ovvio il perché: la città di Tunisi – una città a lungo popolata da musulmani sunniti, francesi, italiani e maltesi – è più vicina a Palermo che alle città di Algeri e Tripoli, capitali vicine della Tunisia.

Qui, stiamo guardando la lunga storia dell’emigrazione dall’Italia alla Tunisia, dalla fine del XIX secolo e molto prima, attraverso la storia della schiavitù, l’emigrazione ebraica, esiliati e rifugiati politici e criminali, e italiani in cerca di una vita migliore.
Attraverso il Canale di Sicilia: una storia dell’emigrazione dall’Italia alla Tunisia

Prima dell’unificazione nel 1861, Italia era un termine che aveva un significato limitato, in un contesto culturale e politico molto frammentato. Di conseguenza, e a causa del fatto che l’emigrazione stagionale era comune nella pesca, nell’agricoltura e nel commercio della carne, le statistiche sull’emigrazione settecentesca dall’Italia alla Tunisia sono scarse e inaffidabili. Tale movimento di persone era forse alla pari dei movimenti tra l’Italia continentale e le isole di Sicilia e Sardegna, per cui non si teneva un vero e proprio monitoraggio.

Tuttavia, alcune tendenze hanno causato significativi flussi di movimento dall’Italia alla Tunisia e ritorno.
Il commercio di schiavi

La prima di queste tendenze fu la tratta degli schiavi, un’attività fiorente tra i pirati musulmani berberi del Nord Africa che esistette per molti secoli. Consisteva nel sequestrare navi mercantili e catturare i loro occupanti attraverso razzie o incursioni sulle coste del Mediterraneo e commerciare i napoletani e i siciliani, principalmente cristiani, come schiavi in Nord Africa. Mentre il numero degli schiavi fluttuava costantemente attraverso la morte, la rivendita e la fuga, gli schiavi vivi erano circa 1.200 all’inizio del XIX secolo. Queste incursioni spiegano, in parte, la passata preferenza della gente del sud Italia di vivere in città collinari lontane dalla costa pur rimanendo in vista di essa.

La tratta degli schiavi rallentò nella seconda parte del XVII secolo e fu resa illegale quando i corsari berberi in Tunisia furono conquistati dalle forze europee nel 1816. 800 schiavi di origine italiana furono allora liberati e permessi di tornare in Italia, altri che si erano assicurati la libertà in Tunisia convertendosi all’Islam optarono per rimanere e avviarono le loro piccole imprese o entrarono nel mondo del lavoro.
L’emigrazione come fuga e opportunità

Dalla fine del XVI secolo, gli ebrei livornesi, chiamati qrana, i cui antenati vi erano arrivati dalla Spagna via Genova, si trasferirono in Tunisia in seguito alle difficoltà e all’esclusione in Italia. Essi costituirono il nucleo della futura comunità italiana d’élite. Di conseguenza, prima degli anni 1830, gli italiani costituivano circa un terzo dei circa 8.000 europei registrati come presenti in Tunisia. Molti di questi erano esuli e rivoluzionari – anarchici, massoni, carbonari, garibaldini – che fuggivano dall’Italia per paura di ripercussioni per il loro credo politico.

Durante il XIX secolo, i lavori pubblici decisi dall’amministrazione francese della Tunisia attirarono lavoratori dal sud Italia. Solo nel 1878, 1.500 operai si trasferirono lì per costruire la ferrovia che collegava Tunisi al confine con l’Algeria.

La creazione delle prime industrie, la necessità di forza lavoro nel settore pubblico consolidarono la forte presenza italiana in Tunisia e contribuirono alla modernizzazione del paese con l’introduzione del nuovo concetto di forza lavoro, e la tutela dei lavoratori che portò alle prime forme di sindacato. Questo aprì la strada ad un afflusso di piccola e media borghesia e di militari che fu incoraggiato dal governo italiano, in quanto avrebbe giustificato le successive ambizioni espansionistiche italiane – che furono poi soffocate dai francesi.
Un’alternativa all’emigrazione verso le Americhe

Infine, un’emigrazione spontanea di contadini disperati, tra cui pescatori e marinai, si trasferì in Tunisia prima come lavoratori stagionali, poi come residenti permanenti, fino a costituire un vero e proprio esodo alla fine del XIX secolo.

Sentendo parlare delle possibilità della Tunisia, migliaia di persone provenienti dall’Italia rurale sbarcarono illegalmente sulle sue coste. Una volta insediati, un gran numero si spostò dalle zone costiere verso l’interno, affittando terreni e costruendo piccole comunità agricole di lingua italiana accanto alle più grandi proprietà dei francesi. Alla periferia di Tunisi, si svilupparono interi quartieri italiani con le loro scuole e istituzioni, con nomi come Piccola Sicilia, Piccola Calabria o La Goletta. Nel 1852, la linea di navigazione Genova-Cagliari-Tunisi fu introdotta e contribuì ad aumentare l’interazione e l’emigrazione. Con questo iniziò l’apice delle relazioni italo-tunisine.
Una “nazione più favorita”: Le relazioni italo-tunisine prima di Lo Schiaffo

Con il Trattato della Goletta del 1868, la clausola della “nazione più favorita”, riconosciuta a livello internazionale, fu stabilita tra la Tunisia e l’Italia, dando all’Italia vantaggi commerciali nelle tariffe e nelle quote di importazione rispetto agli altri paesi e stabilendo l’italiano come lingua franca commerciale. La comunità italiana rafforzò ulteriormente la sua presenza, dando vita ad un sistema di infrastrutture e servizi nell’istruzione, nella sanità, nelle poste, nei trasporti. Cominciano a nascere le prime forme di associazioni in campo commerciale, come la Camera di Commercio e delle Arti Italiane nel 1887.

La famiglia Finzi, radicata nel paese da molti anni, fondò la prima tipografia italiana nel 1829. Fu stampata la prima copia del Corriere di Tunisi. Fu chiuso sotto il protettorato francese e riaperto nel 1956. È l’unico giornale italiano ancora stampato in Tunisia.

Il primo ospedale, intanto, fu costruito nel 1890, e la Società Dante Alighieri fu creata nel 1892. Era rivolta esclusivamente ai cittadini italiani e perseguiva la politica di mantenere e diffondere la lingua e la cultura italiana, dato che gli immigrati erano spesso analfabeti e non si esprimevano in italiano, ma nei loro dialetti di origine. Questa Società era anche legata alla promozione del settore edilizio, formando mobilieri, incisori, marmisti e altri professionisti e artigiani. La Cooperativa Italiana di Credito fu creata nel 1900.
Tunisini italiani sotto il dominio francese

Tuttavia, all’inizio del XX secolo, le cose cambiarono. I francesi cominciarono a vedere la presenza italiana come un pericolo il cui peso in termini economici e socio-culturali era cresciuto a dismisura. Gli italiani vennero considerati come “nemici” del Protettorato – un pericolo italiano – o addirittura agenti di rivolta o di disordine sociale.

Di conseguenza, i francesi intrapresero una politica aggressiva attraverso un programma di naturalizzazione di massa o francesizzazione. Tutti i bambini nati da cittadini europei o di razza mista diventavano automaticamente francesi. La misura prese di mira specificamente gli italiani. I francesi non solo cercarono in questo modo di recuperare consistenza numerica, ma assicurarono il declino della popolazione italiana attraverso il divieto dell’esercizio delle professioni a coloro che non possedevano un diploma di una scuola franco-tunisina e, successivamente, che non erano cittadini francesi.

Nel frattempo, gli interessi coloniali italiani in Tunisia furono incoraggiati dai tedeschi e dagli austriaci alla fine del XIX secolo per compensare gli interessi francesi nella regione e per mantenere un equilibrio di potere percepito lì. La chiamata alle armi emessa dallo stato italiano nel 1915 portò centinaia di cittadini italiani, nati in Tunisia, ad arruolarsi nell’esercito italiano nella Grande Guerra.

Dagli anni ’30 fino al 1943, il processo di naturalizzazione forzata della comunità straniera in Tunisia continuò. Tuttavia, i successivi accordi internazionali tra Italia e Francia garantirono la cittadinanza italiana a tutti i bambini nati da genitori italiani nel Protettorato. Inoltre, grazie a queste convenzioni, scuole, associazioni, banche e ospedali italiani poterono riprendere e continuare le loro attività.
Emigrazione in Tunisia dall’Italia in declino

Nei primi anni del XX secolo c’erano circa 100.000 italiani residenti in Tunisia, un numero elevato, anche se naturalmente inferiore a quello dei francesi.

Gli italiani lì vedevano l’occupazione francese della Tunisia come una vergognosa sconfitta per l’Italia, mentre credevano che la presenza di una fiorente comunità italiana in Tunisia, legittimasse le ambizioni coloniali italiane e fosse una questione di orgoglio nazionale. Infatti, nel 1942, le truppe italiane occuparono la Tunisia per la gioia degli italiani ivi residenti. La Tunisia, una semplice pedina nel più grande gioco di potere nel Mediterraneo, fu brevemente sotto il controllo italiano, ma cadde sotto le forze britanniche e americane al culmine della seconda guerra mondiale.

Nel 1957, tuttavia, la monarchia Bey fu abolita, la Tunisia fu proclamata Repubblica e Habib Bourguiba fu eletto primo ministro in un sistema a partito unico, posizione che mantenne per trent’anni. Egli intraprese la politica di tunisificazione, sostituendo i lavoratori francesi e italiani con i loro omologhi tunisini ed espropriando le terre dei non tunisini.

Come risultato, l’emigrazione dall’Italia verso la Tunisia andò in retromarcia. Nel censimento del 1946, gli italiani in Tunisia erano 84.935. Nel 1959, 3 anni dopo l’indipendenza della Tunisia dalla Francia, erano 51.702, e nel 1969 meno di 10.000. Nel 2005 gli italiani residenti permanenti erano solo 900, concentrati soprattutto nell’area metropolitana di Tunisi. Circa 2.000 italiani sono oggi considerati residenti “temporanei” o “stagionali”, lavorando come professionisti e tecnici per aziende italiane in diverse zone della Tunisia.

Possiamo concludere con due note positive. Un progetto in corso, il Progetto Memoria, mira a recuperare la memoria delle comunità italiane in Tunisia, promosso dai discendenti della famiglia Finzi. Nel frattempo, molti pensionati italiani stanno scegliendo la Tunisia come meta della loro pensione. Riferiscono di apprezzare la familiarità di città come La Goletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*