L’aumento vertiginoso dei viaggi ancestrali in Europa

Merito dell’isolamento. Con i cittadini del mondo confinati nelle loro case durante la pandemia di coronavirus, molti americani hanno trascorso del tempo approfondendo la ricerca genealogica. L’interesse per la ricerca genealogica non è certo nuovo – il successo di serie televisive come “Who Do You Think You Are?” e la popolarità dei kit per il test del DNA a casa ha alimentato una tendenza più che decennale – ma la pandemia ha stimolato un maggiore entusiasmo nel trovare le radici della famiglia. Con l’allentamento delle restrizioni ai viaggi internazionali, questo crescente interesse potrebbe tradursi in viaggi di eredità, in particolare in Europa. Il brivido di rintracciare il lignaggio familiare online impallidisce in confronto all’eccitazione delle rivelazioni di persona, rendendo un viaggio più significativo favorendo una connessione personale più profonda con una destinazione.

Prima della pandemia, il turismo degli antenati europei era in pieno boom di popolarità. Sempre più spesso, gli hotel hanno lanciato programmi speciali di eredità e i tour operator hanno sviluppato itinerari personalizzati per i turisti genealogici; Ancestry.com ha persino collaborato con Cunard per lanciare un “Viaggio di Genealogia” transatlantico a bordo della Queen Mary 2. Per gli americani con alberi genealogici europei, le destinazioni più popolari per questi viaggi sono Irlanda, Italia, Germania, Scozia ed Europa dell’Est.

L’Irlanda ha visto una crescita impressionante del numero di turisti americani tra il 2013 e il 2019, da un milione a due milioni di visitatori. Dei vacanzieri americani che hanno viaggiato in Irlanda nel 2019, il 54% ha dichiarato di avere antenati irlandesi (almeno uno nel partito). In effetti, circa 35 milioni di americani oggi hanno radici irlandesi; la diaspora irlandese globale è vasta come risultato delle successive ondate di emigrazione nel corso dei secoli. A partire da Andrew Jackson fino a Joe Biden, 23 presidenti americani hanno rivendicato origini ancestrali irlandesi. In effetti i media irlandesi riferiscono ottimisticamente che un “Effetto Biden” potrebbe contribuire alla ripresa del turismo post-pandemia, ispirato dall’orgoglio del presidente americano per la sua ascendenza irlandese.

“Dopo la pandemia, le persone stanno cercando di trascorrere più tempo di qualità, creare connessioni significative e viaggiare con uno scopo”, spiega Alison Metcalfe, vicepresidente esecutivo per il Nord America di Tourism Ireland. “Il turismo degli antenati si presta davvero a questa tendenza”.

A volte i visitatori vengono persino a conoscenza di parenti di cui non conoscevano l’esistenza, il che dà loro un caldo benvenuto. “Quando le persone tornano a viaggiare, sappiamo che vogliono recarsi in luoghi familiari e trascorrere del tempo con la famiglia in luoghi in cui si sentono accolti e sicuri”, dice Metcalfe. “L’Irlanda è certamente il posto giusto”.

Tourism Ireland ha lanciato una nuova versione del suo sito web quest’anno con una sezione dedicata alla genealogia per assistere i viaggiatori nelle loro ricerche prima del viaggio. “Puoi persino assumere il tuo ricercatore genealogico personale”, dice Metcalfe. “C’è anche una pagina di storia familiare irlandese su Facebook con sessioni di Q&A con esperti”. Una volta che i viaggiatori arrivano in Irlanda, numerose agenzie e istituzioni offrono servizi di persona. Ad esempio, sia l’Archivio Nazionale che la Biblioteca Nazionale offrono consulenze genealogiche gratuite, mentre l’EPIC Ireland – il museo interattivo di Dublino dedicato all’emigrazione irlandese – dispone di un Irish Family History Center gestito dagli esperti del patrimonio di Eneclann.

“Abbiamo ricevuto molte richieste da parte degli ospiti che desiderano esplorare il loro patrimonio irlandese e forse è diventato ancora più popolare negli ultimi anni”, dice Conor Shaw, direttore dell’hotel The Merrion di Dublino. “Siamo lieti di guidare i nostri ospiti nel loro viaggio insieme a esperti del settore”.

L’Ashford Castle, l’hotel di lusso nella contea di Mayo, collabora con l’esperto di genealogia locale Ginger Aarons della Time Travel LLC che offre programmi di genealogia agli ospiti. Da una sessione base di due ore di Genealogia 101 a itinerari personalizzati, Aarons aiuta gli ospiti a strategizzare la loro ricerca e a creare connessioni.

“Incontro i clienti ad Ashford quando richiesto e di solito ottengo grandi risultati per loro. Ho condotto tour per la genealogia familiare dal 1998 in tutta l’isola”, spiega Aarons. “C’è stato un buon aumento di interesse e con la pandemia, più tempo per approfondire la genealogia da soli. L’aiuto di genealogisti come me può permettere ai clienti di concentrarsi su aspetti più positivi, offrendo approfondimenti sul passato… e una comprensione di come le loro azioni possono avere un impatto sulle generazioni future. Può essere un’esperienza molto catartica!

Allo stesso modo la Germania ha visto un’esplosione del turismo genealogico. Oggi circa 44 milioni di americani rivendicano l’eredità tedesca, il più grande gruppo di antenati secondo i dati del Census Bureau degli Stati Uniti. Nel XVII secolo, i tedeschi furono tra i primi europei ad arrivare in Nord America. Questo numero raggiunse l’apice nel XIX secolo, quando i tedeschi costituirono il gruppo di immigrati più numeroso – quasi otto milioni di arrivi.

L’Ente del Turismo Tedesco ha creato un portale web dedicato con uno scopo molteplice: illustrare i grandi eventi della storia dell’emigrazione, mostrare i famosi tedesco-americani che hanno influenzato la cultura americana, e assistere i viaggiatori nella ricerca del patrimonio e nella costruzione di un itinerario personalizzato con lo strumento Trip Planner. Amrei Gold di Germany Tourism spiega: “Abbiamo creato questo microsito perché vediamo una tendenza degli americani che cercano di sapere di più sulle loro radici in Germania. L’interesse è enorme, e la capacità di localizzare le radici familiari è aumentata con lo sviluppo di strumenti di ricerca”.

L’Italia si classifica come una delle destinazioni di viaggio internazionali più popolari per i viaggiatori di piacere americani, con più di sei milioni di arrivi nel 2019, e il turismo delle radici è un settore strategico per l’economia italiana. Dopo tutto, ci sono tra i 60-80 milioni di discendenti di emigrati italiani nel mondo, molti dei quali abbracciano il ruolo di “ambasciatore” per le regioni italiane in cui hanno radici familiari. Si stima che nel 2018 ci siano stati 10 milioni di questi viaggiatori internazionali di “radici”, che rappresentano diverse nazionalità in tutto il mondo, e il Ministero degli Esteri mira a promuovere questa tendenza con varie iniziative tra cui la pubblicazione nel 2019 di una collana di guide Guida alle Radici Italiane. Un viaggio sulle tracce dei tuoi antenati.

“Il turismo ancestrale promuove l’Italia meno conosciuta ed è in linea con la strategia dell’ENIT di aiutare i viaggiatori a scoprire le località italiane oltre le destinazioni più famose”, spiega Giorgio Palmucci, presidente dell’ENIT (Ente Nazionale Italiano per il Turismo).

I viaggi per il patrimonio ebraico sono un altro mercato importante, dato che la grande maggioranza degli ebrei nordamericani fa risalire le proprie origini a paesi dell’Europa centrale e orientale come Austria, Ucraina, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Romania e Bulgaria. Il sito JewishGen è una risorsa popolare e gratuita per la genealogia ebraica globale.

“A volte non è un compito facile localizzare un villaggio ancestrale”, spiega Radka Krizek di CzechTourism USA & Canada, “perché storicamente i confini sono cambiati così tanto in Europa… I viaggi ancestrali sono molto richiesti – è un’area che vorremmo sviluppare di più e su cui abbiamo intenzione di concentrarci in futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*